Classificazione: 1 su 5.

La fine dell’impero. Ultimo viaggio in URSS

Foto reperita nel web

Titolo  La fine dell’impero. Ultimo viaggio in URSS
  Autore/i  Enrico Franceschini è scrittore e giornalista. Ha ricoperto il ruolo di corrispondente per il quotidiano “la Repubblica”, nelle sedi di Londra, New York, Washington, Mosca e Gerusalemme.
  Casa Editrice  Baldini + Castoldi pp. 304
  Anno di pubblicazione    2021
  Costo    9,99 €
  Recensione   Breve descrizione
Le ferie alla dacia per coltivare patate e le vacanze dei mafiosi nell’unico albergo di lusso del Mar Nero. L’infanzia di Gorbaciov, scolaro modello e attore mancato in un villaggio di contadini, e la ricetta dell’ex braccio destro di Stalin, convinto che basterebbe dare «pane e salame» a tutti per ripor- tare l’ordine. La febbre della roulette nei casinodi Mosca e la fame a Leningrado come al tempo dell’assedio nazista. La nuora di Trotzkij sopravvissuta al Gulag che ha paura di doverci tornare e i restauri di Lenin imbalsamato nel mausoleo sulla Piazza Rossa. Un conflitto pirandelliano sulle montagne del Caucaso e un massacro con i carri armati sulle rive del Baltico. Il coro del Nabucco per difendere Riga e il vento dell’Islam fra le moschee di Samarcanda. Una notte con la Milizia per le strade della capitale e la cronaca del drammatico «golpe rosso». Un colloquio nei corridoi con il capo del Kgb e l’ultima intervista al Cremlino con Gorbaciov che si e appena dimesso. Arrivato a Mosca nell’estate del 1990 come corrispondente di «Repubblica» per raccontare la sfida della perestrojka, giorno per giorno Enrico Franceschini assiste al graduale collasso dell’Unione Sovietica sino alla fine dell’impero nel dicembre 1991. Riletti trent’anni dopo, i suoi reportage da un capo all’altro della superpotenza comunista sono la testimonianza di un evento straordinario che ha cambiato la storia.

Giudizio personale (a cura di annalisap)
Ho avuto modo di conoscere tale volume in occasione della scomparsa di Gorbačëv quando, seguendo le attività di divulgazione del Prof.re Aniello Fiaccola, sono entrata in contatto con gli articoli considerati. Ebbene, grazie a questa lettura storica non solo ho potuto vivere questo processo storico dal di dentro ma, soprattutto, avere modo di confrontarlo con quanto in questo nostro 2022 si è, recidivamente, manifestato tra Ucraina e Russia.
La storia, ancora una volta, testimonia come i grandi problemi si ripetano se gli Uomini non li affrontano nel modo opportuno, quello atto al vero cambiamento. Solo studiando criticamente si può comprendere, realmente, il presente favorendo, possibilmente, un futuro migliore.

Voto: 10/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: