Classificazione: 1 su 5.

Il Digital wellbeing

Con l’avvento della pandemia abbiamo sperimentato come la tecnologia sia una parte della nostra vita imprescindibile. Anche in seguito alla didattica a distanza, il rapporto scuola-digitale si è fatto più stretto ed ha continuato ad essere tale in più occasioni (cfr. Piano Nazionale Scuola Digitale).

Oggi è il Simplicity Day, giorno della semplicità, ricorrenza pensata e voluta in onore del filosofo e storico americano Henry D. Thoreau, promotore dell’idea di fare un passo indietro rispetto alle nostre vite frenetiche e vivere il momento con più semplicità. Oggi, dunque, possiamo scoprire il digital wellbeing.

Il digital wellbeing è la capacità di creare e mantenere una relazione sana con la tecnologia. Ciò significa che dobbiamo lavorare sodo affinché la tecnologia prenda il sopravvento sulla attenzione dei ragazzi e sulla loro capacità di provare empatia.

Attualmente sono disponibili sul mercato diversi strumenti detti Digital Self-Control Tool (DSCT) per controllare e monitorare l’utilizzo di smartphone e/o pc. Tali strumenti, pur avendo un bacino di utenza molto ampio, non vengono spesso usati, allora come poter rimediare e insegnare agli studenti come prendersi cura di se stessi?

Iniziamo con alcuni suggerimenti semplici suggerimenti:

Per maggiori approfondimenti:

Designing for Digital Wellbeing by Prithvi Kudva

Digital wellbeing tools through users lens

Digital well-being theory and research

Towards a Theory of Digital Well-Being: Reimagining Online Life After Lockdown

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: